top of page

25 novembre 2022 Rispetto delle Donne tutto l'anno

Aggiornamento: 28 nov 2022

Siamo ancora qui a parlarne. Come ogni anno. Perchè sono ancora drammatici i dati: 104 donne dall'inizio dell'anno vittime di femminicidio, il 50% (52 donne) ha trovato la morte per mano del partner o dell'ex partner.

Una piaga sociale da combattere agendo su più direttrici, come ha ricordato la Presidente del Consiglio Giorgia Meloni:

Prevenzione

Protezione

Certezza della Pena

Per prevenire il fenomeno occorre lavorare sulla cultura, e sui valori, il vero collante sociale. La violenza contro le donne è forse la violazione dei diritti umani più vergognosa che non conosce confini né geografia cultura o ricchezza, e fin tanto che continuerà non potremo pretendere di aver compiuto dei reali progressi verso l’uguaglianza e una reale parità di genere, obiettivi di sviluppo sostenibile dell’Agenda 2030.


Educare i giovani alla cultura del rispetto di ogni essere umano e delle donne in modo particolare è uno degli obiettivi che persegue l'Associazione D.o.n.n.a anche in collaborazione con altre realtà Associative che da anni si battono per contrastare questo fenomeno.


Per questo l’Associazione ha siglato un protocollo di intesa con:


· Stati Generali delle Donne con cui ha collaborato contribuendo, tra l’altro, alla realizzazione del phamplet Rispetto delle Donne tutto l’anno, una Campagna Informativa e di sensibilizzazione della Convenzione di Istanbul a cura di “Il diario di Lela” e di Stati Generali delle Donne.

La Violenza è un fenomeno strutturale, multidimensionale che affonda le sue radici nella nostra cultura. Gli approcci per affrontarla e contrastarla si confrontano con le diverse culture e le prassi proprie dei servizi. Occorre promuovere attività di sensibilizzazione e di collaborazione come occasioni di conoscenza e riconoscimento reciproco, per costruire insieme un cambiamento a più livelli che

possa contribuire alla risoluzione del dramma della violenza sulle donne, attraverso un lavoro integrato e il riconoscimento degli specifici ruoli e responsabilità di ciascuno/a di noi, così come richiesto in ambito europeo e internazionale.

Per questo motivo D.o.n.n.a insieme alle tante associazioni che hanno aderito, ha deciso di diffondere la Convenzione di Istanbul, il trattato internazionale creato per affrontare la violenza sulle donne e la violenza domestica, stabilisce gli standard minimi per i governi in Europa nella prevenzione, protezione e condanna della violenza contro le donne e della violenza domestica.

D.o.n.n.a intende lavorare proprio sulla Prevenzione, sulle scuole secondarie di secondo grado con il progetto "Riconoscere la violenza per generare consapevolezza" poichè la scuola rappresenta il viatico per far acquisire ai giovani, spesso spettatori di violenze domestiche, la consapevolezza e la comprensione delle varie forme di violenza – fisica e psicologica – imparando a riconoscere i luoghi comuni e i pregiudizi di cui la “cultura” che li circonda è spesso intrisa per innestare un reale cambio di rotta. Educare i giovani alla cultura del rispetto di ogni esser umano e delle donne in modo particolare ripartendo dall'educazione famigliare e dalla scuola.

Anche la Protezione di Donne che hanno avuto il coraggio di denunciare, che spesso manca perchè l'autore delle violenze è un partner, perchè non sussiste indipendenza economica è fondamentale e incrementare fondi per le Case Accoglienza rappresenta un'iniziativa di grande supporto. Così come la Certezza della Pena potenziando, come dichiarato dal Premier, le misure di protezione delle vittime e rafforzando il ricorso allo strumento del braccialetto elettronico per soggetti pericolosi da mettere sotto osservazione già dalle prime segnalazioni.

D.o.n.n.a continuerà a lavorare in collaborazione con altre Associazioni impegnate sul tema concentrando il proprio contributo sulla scuola, sui giovani spesso spettatori di violenze psicologiche, morali o fisiche . È un tema, quello della violenza assistita, che non va assolutamente ignorato perchè studi e statistiche ci dicono che i bambini e gli adolescenti che assistono a episodi di violenza in famiglia possono avere gravissime conseguenze sulla loro crescita e sul loro benessere: bambine e adolescenti femmine tendono nell’età adulta a tollerare la violenza subita, mentre i bambini o adolescenti maschi vittime di violenza assistita hanno maggiori probabilità di diventare partner aggressivi.


STOP ALLA VIOLENZA, principale violazione dei diritti umani!

RISPETTO DELLE DONNE TUTTO L'ANNO


25 novembre 2022 e book Rispetto delle Donne tutto l'anno
.pdf
Download PDF • 985KB







13 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti
bottom of page